La morale dell’anima

La morale è quella parte della nostra anima inversamente proporzionale alla nostra età.
Crescendo ci si allontana da essa.

Ricordo quando ero bambina, avevo ben chiari i valori in cui credevo, quei valori che non avrei mai tradito: la famiglia, l’amicizia, l’onestà, il rispetto, l’uguaglianza e pochi altri…li rispettavo con passione, era qualcosa che sentivo da dentro, era la mia etica di esistere.
Crescendo uno ad uno si sono sfaldati, delusioni… illusioni, tradimenti…. perdita di fiducia nelle persone incontrate, perse e trovate… perdita un po’ di tutto, morale inclusa.

Crescendo ho mentito, tradito, umiliato, mi sono umiliata; ho ferito, ho ingannato…ho fatto all’incirca tutto quello in cui non credevo, sono arrivata a negare me stessa commettendo ognuno di questi atti. Sono arrivata a fare e farmi davvero male.

Crescendo non ho perso solo me stessa, ma anche molto, se non tutto, di quello in cui credevo.

Crescendo credo sia inavitabile perdersi, il lavoro da fare è poi per ritrovarsi o a seconda dei casi per ricrearsi nuovi/dal principio. Perché come si era non poteva più andare bene.

L’idea originaria di morale, quella nei bambini, è la più pura e benigna che si possa avere.
Ma quasi inevitabilmente la si perde e allora bisogna costruirne un’altra, che sarà però sempre altra.
Una morale adulta, più artificiale ed elaborata
La morale dovrebbe essere grezza per essere reale.
Solo così potrebbe davvero definirsi tale.

Quanti studi intorno alle questioni dell’etica e della morale, ricordo ancora il mio professore, un po confuso, citare filosofi a raffica per tentare una distinzione, nonché una netta definizione dei due concetti.
Si è parlato di Virtù, dell’etica aristotelica e di etica secondo quello che era il pensiero Kantiano

La morale credo sia dentro ognuno di noi, come tanti altri valore. Ci dimentichiamo solo di averli, dove sono. Ci scordiamo di rispolverarli e usarli, ogni giorno non usiamo che una minima parte del bene che portiamo dentro.

Annunci

5 commenti

  1. Bell’articolo. Purtroppo c’è chi non ne conosce proprio il senso, della morale. E a chi invece batte forte dentro e dalla quale non riesce a liberarsi, anche volendo. Ma come si può fare a meno della morale? In fondo, è una guida…

  2. Darkon Draconius · · Rispondi

    La morale è nel cuore di ognuno di noi, come i Vulcaniani hanno la logcia nel cuore (scusami il raffronto sciocco, ma era per farti un’idea 😉 ) Anche quando cadono le ceneri della distruzione totale la gente trova sempre una nuova via, nonostante la crudeltà di questi tempi sia devastante, certe realtà di cui non ci facciamo conto perché sconosciute (eppure italiane) sono un esempio di cui ci si può rialzare e fare tanto.

    https://darkondraconiussite.wordpress.com/

  3. La morale che è racchiusa nella bellezza della nostra dimensione spirituale, della nostra luce. Alle volte la polvere è così tanto sedimentata che viene il dubbio che il lumicino si sia spento. Eppure da qualche parte deve pur essere…

    1. Già, rispolverare l’anima per farne riemergere la vera essenza con la quale nascemmo
      Il principale compito delle nostre vite, a volte si impiega una vita intera a capirlo e farlo:)
      Grazie per il commento Milesweetdiary, un saluto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: