La felicità ha un volto

“Mi è venuta un’idea. Vorrei una casa piccola. Molto piccola. Tipo trentacinque metri quadrati, quaranta col balconcino. Con la cucina tipo di legno, scuro. E i fornelli bianchi, pure che si vedono più facilmente le macchie chissenefrega. Vorrei tantissimo il balconcino in cucina, che anche se quella del palazzo di fronte mi sbircia il sugo non fa niente. Ci metterei il basilico e il rosmarino. Nel balconcino, non nel sugo. Cioè magari anche nel sugo, ma non insieme. Il frigorifero lo vorrei bianco e pieno, pieno, pienissimo di calamite. Settantatrè, tipo. Il soggiorno con il divano da tre posti, niente poltrona perché altrimenti non c’entra più niente. E un televisore trentadue pollici. Trentadue pollici e qualcosa, e mezzo mignolo magari. La camera da letto la vorrei con il letto. Mi sembra una richiesta sensata. Grande abbastanza, il letto. Magari grande da contenerci tutto l’amore che si fa. Messo in modo che se mi dimentico di abbassare la serranda la sera, poi il mattino dopo mi sveglio con il sole in faccia. Niente mensole per i libri. Li voglio tutti sul comodino, i libri. Quasi voglio dei libri con sopra un comodino. E poi vorrei tanto una casa in cui vivere con te, ecco. Così al bagno possiamo mettere due lavandini. Due spazzolini elettrici. Due specchi. O magari uno grande. Così posso farti il solletico mentre ti lavi i denti e hai la bocca piena di dentifricio. Così possono sbirciare il sugo, e me che ti faccio assaggiare il suddetto sugo soffiando un po’ sul mestolo sennò ti scotti. E se non riesco a mettere tutto a portata di mano in cucina, puoi passarmi il curry. O il pepe. E puoi tirarmi la farina. Puoi scegliere le lenzuola, l’armadio. Il televisore no, quello è trentadue pollici e mezzo mignolo. Però il colore del divano sì. Così la casa la dividiamo in due e la moltiplichiamo all’infinito. Però decidi con calma eh. All’Ikea ci andiamo insieme. Basta che non sia di domenica.”

9 commenti

  1. La felicità ha un volto ma non ha bisogno di un palazzo reale 😊

  2. Bello il post,surreale e esilarante con un finale pieno di verità l’ikea di domenica e’ impossibile.Certo e’ che con 35 mq fai un passo e già e’ finita casa.
    Ma gli armadi e la soffitta dove stanno?
    Bye! 🙂

    1. È tutto simbolico, bello e simbolico LOL

      1. 😉👍👍

  3. Molto dolce. 😍

    1. Grazie, non è mia però:)

  4. Molti anni fa, una volta pensai che sarebbe stato possibile comprare una casa che avrei potuto condividere con la donna dei miei sogni il cui nome era Rosmarino nel sogno. Un giorno ho incontrato una donna di nome Rosmarino e ho pensato che i sogni potessero avverarsi. Ma in realtà né io né lei avevamo soldi. Dopo che Rosmarino si è stancato di uscire con una persona povera, Rosmarino è scappata con il signor Basilico Rathbone, un attore.

    In realtà, è tutta finzione, ma un balcone in cucina sembra una buona idea, a meno che il mio vecchio amico Rosmarino ritorni all’improvviso con un cesto pieno di rosmarino e basilico perché sarebbe troppo confuso, specialmente se Rosmarino avrebbe divorziato di recente da Mr. Basilico.

    1. Oh, mi dispiace per quello. Funziona solo in inglese, dove “Rosemary” è un nome femminile che è lo stesso della spezia “rosemary”. Ma, comunque, mi è piaciuto come hai messo la spezia sul balcone e nella salsa. Non ho capito il problema con il mio tentativo di scherzo. Ma mi è piaciuto il tuo saggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: