Villefrance sul Mer…

che ci faccio qui?”
è una costante.

È una costante a casa,
all’estero,
altrove.

È una costante con amici, parenti,
colleghi e sconosciuti.

È una costante,
quando invento le regole
di un gioco che non conosco.

Quando lascio per poi sentirmi abbandonata.

Quando dico di farcela da sola e poi piango.

Quando dico che non mi serve aiuto e nel frattempo dimentico il mio nome.

Quando sostengo fosse solo un bicchiere e non mi alzo al mattino.

Quando dico che i problemi si affrontano ma ho già fatto il check-in.

Allora in Cote d’Azur,
c’è il tramonto ed è romantico,
ci sono i ricordi e sono devastanti,
ci sono le nostalgie che lasciano desolanti malinconie.

Mi avresti capita, no
Mi avresti abbracciata, sì
Mi avresti salvata?

Annunci

3 commenti

  1. Un po’ triste questo scritto.

  2. Che ci facciamo tutti noi,in questo mondo balordo se non sappiamo renderci reciprocamente la mano,eppure.. vorrei tanto farlo con te ogni volta che ti incontro ma…sento che tu non vuoi afferarla,rialzati,non farmi sentire sempre in colpa.🖐🖐🤝🤝🤝❤

    1. È dolce, sei dolce. Ti/ci auguro il meglio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: